L’assistenza per il suo attuale browser web è stata sospesa. Per garantire la completa funzionalità del suo sito web e la sicurezza dei suoi dati, le consigliamo di passare al più presto a un browser più moderno (ad es. Safari o Firefox).

Avviso per la sicurezza aggiornato

Stanno circolando numerose e-mail di phishing il cui mittente sembra essere Miles & More. Queste e-mail non sono sicure e non sono state inviate da Lufthansa o da Miles & More. Se riceve una di queste e-mail, la preghiamo di non divulgare nessuna informazione personale, di non fare clic su nessun collegamento ipertestuale e di non aprire gli allegati. Maggiori informazioni sul phishing

Salve, come possiamo aiutarla?

Un futuro grazie all’istruzione per i bambini delle township

Il progetto iThemba a Città del Capo consente ai bambini svantaggiati di aspirare a una vita migliore, con l’aiuto delle miglia donate.

“iThemba” significa speranza in xhosa, la seconda lingua più parlata in Sudafrica.

Dal 2007 le miglia donate dai soci e dalle socie Miles & More danno speranza ai bambini di Vrygrond/Capricorn, un sobborgo socialmente svantaggiato di Città del Capo. Qui help alliance ha costruito una scuola materna (Pre-School) e una scuola elementare (Primary School) in cui già tantissimi bambini ricevono un’istruzione e un sostegno eccellenti.

 

Nel 2021 la collaborazione tra Miles & More ed help alliance, nata con l’obiettivo di aiutare le persone svantaggiate di tutto il mondo, compie 15 anni. È una bellissima occasione per presentare progetti di successo come iThemba, ma anche per ripercorrere gli altri traguardi raggiunti e guardare insieme al futuro.

1. Come è nata, 15 anni fa, la collaborazione tra Miles & More e help alliance?

Sebastian Riedle: Miles & More voleva realizzare il desiderio espresso dai suoi soci e dalle sue socie di fare del bene con le miglia, sostenendo così il loro impegno sociale. Abbiamo quindi iniziato a collaborare con help alliance ed è nato il programma «Miles to help». Il successo di questa partnership dimostra come sia stata una decisione giusta: negli ultimi 15 anni sono state donate oltre 733 milioni di miglia che hanno consentito, tra le altre cose, di finanziare circa 35.000 pasti e 17.000 cartelle, astucci e libri scolastici per giovani svantaggiati. Inoltre, le donazioni hanno consentito di offrire a 700 giovani una formazione, di costruire numerosi edifici scolastici e orfanotrofi e di garantire 100 stipendi annuali per il personale medico. Questi sono solo alcuni dei moltissimi importanti traguardi che è stato possibile raggiungere con le miglia.

2. Come funziona esattamente la donazione di miglia a scopi benefici?

Andrea Pernkopf: È molto facile: I soci e le socie Miles & More possono richiedere di donare le loro miglia premio. Il valore delle miglia, convertito in EUR, viene poi utilizzato in toto per finanziare uno dei nostri progetti. Questo è l’aspetto a cui teniamo di più. È il personale del Lufthansa Group a gestire e ad assumersi la responsabilità, su base volontaria, dei progetti help alliance. In questo modo siamo sicuri che ogni singolo miglio arrivi davvero nel luogo a cui è destinato. Al momento le miglia donate sostengono 14 dei 40 progetti help alliance.

 

Sebastian Riedle: Tutto il personale del Lufthansa Group viene incoraggiato ad impegnarsi nel sociale ed è libero di partecipare ai progetti help alliance. Questo vale anche per il personale Miles & More: solo l’anno scorso nove colleghi e colleghe hanno partecipato come volontari ai progetti help alliance. 

3. Il progetto iThemba a Città del Capo, in Sudafrica, è uno dei progetti che si possono sostenere con le miglia premio Miles & More. Cosa è stato possibile realizzare con le miglia finora donate? 

Andrea Pernkopf: Permettetemi di partire un po’ da lontano: iThemba, il nostro grande progetto formativo nella Township Capricorn, è in realtà composto da due progetti distinti. Il primo prevede la realizzazione di una scuola materna per bambini dai 3 ai 6 anni, che sosteniamo dal 2006. Lì i bambini ricevono non solo una formazione prescolare, ma anche pasti sani, fondamentali per la loro crescita, se consideriamo che la povertà e la malnutrizione sono diffusissime. Già dal 2007 le donazioni di miglia hanno consentito di finanziare tre voci fondamentali della scuola materna: per prima cosa un’alimentazione ricca di proteine e vitamine, poi naturalmente una dotazione di base con materiali didattici e uniformi scolastiche e infine gli stipendi degli insegnanti.

Abbiamo poi osservato che nel passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare ci si scontrava spesso con il problema dell’assenza di una struttura scolastica o delle grandi distanze da percorrere per raggiungerla. È nata così l’idea di costruire una scuola elementare direttamente nella Township, collegata alla scuola materna. Nel frattempo siamo riusciti a inaugurarla con successo e il governo sudafricano l’ha addirittura indicata come esempio da seguire. Ora questo modello dovrebbe essere esteso anche ad altre scuole. Siamo molto orgogliosi di questo risultato perché dimostra che possiamo davvero fare qualcosa.

4. E in parte anche grazie alle donazioni dei soci e delle socie Miles & More?

Andrea Pernkopf: Sì, la realizzazione della scuola elementare iThemba è iniziata nel 2015 e ha avuto diverse fasi. Dal 2017 abbiamo utilizzato gran parte delle miglia donate per realizzare la prima fase dei lavori della iThemba Primary School. Nel 2018 siamo poi riusciti a inaugurarla, accogliendo i primi 105 bambini. L’anno seguente la scuola è stata ampliata per accogliere altri 105 alunni. Nonostante la pandemia da coronavirus, nel 2020 abbiamo terminato le ultime fasi di costruzione. Siamo molto felici che oggi un totale di 560 bambini possano frequentare quella scuola.

5. Che ruolo hanno le donazioni effettuate per il compleanno dei/delle frequent flyer?

Sebastian Riedle: Un ruolo molto importante. La campagna donazioni per il compleanno dei/delle frequent flyer ha consentito nel 2019 di accelerare notevolmente l’ampliamento degli edifici scolastici, consentendo così a un numero ancora maggiore di bambini di accedere a un’istruzione primaria di alta qualità. Oltre alle normali donazioni di miglia, le miglia extra donate a nome dei/delle frequent flyer hanno consentito di realizzare un blocco scolastico completamente nuovo con quattro aule e due laboratori, un Computer Lab e un Life Science Lab. In questo modo la scuola può ora accogliere oltre 700 bambini e far così fronte a una domanda molto elevata di istruzione.

6. Potete descriverci l’«evoluzione» di un bambino che avete seguito fin dall’inizio e il modo in cui è cambiata la sua situazione ed eventualmente quella della sua famiglia?

Andrea Pernkopf: Abbiamo numerosi esempi. Ricordo però in particolare un aneddoto della responsabile di progetto Susanne French, che è presente sul posto più volte l’anno. Lì ha conosciuto una famiglia con tre bambini. Poiché all’inizio il nostro progetto non prevedeva ancora una scuola elementare, i due più grandi avevano potuto frequentare solo la scuola materna. Poi avevano dovuto scegliere un’altra scuola elementare, che si trovava però a una distanza sensibilmente maggiore e con una strada più pericolosa, poiché i genitori spesso non potevano permettersi un mezzo di trasporto. Per Susanne questa famiglia rappresentava un ulteriore stimolo a realizzare l’ormai indispensabile scuola elementare, per poter dare un seguito all’ottima formazione prescolare. Altrimenti il rischio che i bambini che vivono situazioni del genere non vadano più a scuola con regolarità è molto elevato.

La figlia più giovane di questa famiglia ha già avuto la fortuna, dopo la Pre-School, ovvero la scuola materna, di proseguire l’istruzione direttamente nella nuova scuola elementare vicino a casa e ora frequenta la quarta. Con la scuola praticamente davanti alla porta di casa, istruirsi è sicuro e comodo. Per le famiglie come la sua, questo non solo comporta uno sgravio finanziario perché si può risparmiare sui costosi mezzi di trasporto, ma agevola anche molte mamme, che possono aiutarsi reciprocamente nell’accompagnare i bambini a scuola e lavorare così con maggiore flessibilità. Tutta la comunità è orgogliosa di avere una scuola così bella, i cui standard sono paragonabili a quelli di una scuola privata.

7. Quali progetti comuni avete al momento in programma? La partnership sarà ampliata?

Sebastian Riedle: Uno dei progetti comuni futuri è il progetto Togo: le miglia donate dalla Miles & More Community aiuteranno a finanziare la costruzione di un centro di formazione per giovani in questo stato dell’Africa occidentale. In Togo solo pochi bambini e ragazzi hanno accesso a una formazione strutturata, senza la quale rischiano di finire rapidamente ai margini della società. Insieme vogliamo cambiare le cose e dare loro migliori opportunità. Per coinvolgere il maggior numero possibile di soci e socie, abbiamo in programma di utilizzare i media Miles & More per fornire aggiornamenti sull’avanzamento dei lavori di costruzione del centro di formazione. In questo modo potranno rendersi conto da vicino di quello che si può ottenere con le loro donazioni.

Vogliamo inoltre continuare anche dopo l’anno dell’anniversario a informare sui progetti di help alliance tramite i media Miles & More, così da invitare ancora più persone a partecipare. Attraverso le loro donazioni di miglia possono davvero contribuire in modo decisivo ad aiutare le persone svantaggiate. E naturalmente, informando costantemente sui successi e sulle persone che ci sono dietro queste storie, aumentiamo anche la fiducia.